Ultimo aggiornamento 23.05.2024 - 16:14

covid

La gestione dei rifiuti urbani è stata interessata negli ultimi anni da importanti cambiamenti che ne hanno profondamente trasformato l’assetto, soprattutto con riferimento alla determinazione dei costi del servizio che dovranno essere riferiti ad un perimetro ben determinato di attività. Dall’anno 2018 la regolazione di questa materia è stata affidata dalla legge ad ARERA (l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), che con la prima delibera n.443/2019 sui costi efficienti del servizio, ha avviato una radicale trasformazione del sistema con impatti significativi sul prelievo sui rifiuti.
In questo quadro, i Comuni, che da sempre hanno un ruolo primario nella gestione dei rifiuti urbani, sono coinvolti dagli adempimenti derivanti dalle prescrizioni regolatorie, cercando al contempo di governare la complessa e articolata attuazione di politiche ambientali efficaci.
Dopo il primo periodo regolatorio, avviato con la citata delibera 443/2019, la regolazione sui rifiuti urbani si è ulteriormente complicata con l’approvazione della delibera n.363/2021 e del relativo allegato “MTR-2”, che ha apportato diverse novità: in primo luogo il passaggio da un PEF annuale a uno quadriennale, l'introduzione di tariffe di accesso agli impianti di trattamento, recupero e smaltimento dei rifiuti, e dei due principi incentivanti di prossimità e di perequazione ambientale che premiano la dotazione territoriale di impianti e la valorizzazione dei rifiuti e penalizzano il conferimento in discarica. Altre novità includono il subentro dei gestori e la revisione del calcolo del fattore di sharing dei corrispettivi della vendita di energia e materiali.

Nell’anno 2022 accanto alla regolazione dei costi efficienti, l’Autorità ha avviato anche la regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani, attraverso l’approvazione della delibera n.15/2022 e dell’allegato TQRIF, i cui obblighi di servizio e standard qualitativi sono entrati in vigore dal 1° gennaio 2023. Le nuove prescrizioni derivanti dalla regolazione della qualità contrattuale riguardano in particolare i Comuni in qualità di gestori delle tariffe e rapporti con gli utenti, ai quali sono attribuite delle responsabilità specifiche.

Cosa fa IFEL

In questo contesto, IFEL ha sempre puntato a svolgere un duplice ruolo, dedicandosi sia all’interlocuzione con ARERA e sia all’organizzazione di servizi di assistenza ai Comuni, attivando strumenti per supportare i Comuni nel passaggio al "metodo ARERA" per la predisposizione dei Piani economico-finanziari e per l’implementazione della qualità. In particolare, il supporto si esplica attraverso note tecniche di approfondimento, risposta a quesiti da parte degli enti interessati dalla regolazione e un’intensa formazione sui temi di interesse. Inoltre, IFEL mette a disposizione di tutti gli interessati due Guide operative (la prima sul MTR e la seconda sul MTR-2), dedicate agli operatori del sistema, nell’intento di rafforzare il ruolo dei Comuni, nelle loro forme associative e degli ambiti locali di gestione dei rifiuti. Per comprendere la reale implementazione del MTR nei PEF dei Comuni Ifel ha inoltre istituito un data base che raccoglie tutti i dati disponibili dei coefficienti desumibili dalle approvazioni da parte dell’Autorità dei PEF comunali e dai PEF stessi.

// NOTIZIE

  • 1
  • 2

EVENTI

I sistemi di tariffazione puntuale dei rifiuti urbani. Diffusione e tendenze in atto

19-12-2023 dalle 11:30 alle 13:00

Webinar

IIl corso rappresenta l’occasione per fare il punto su come si sta evolvendo la tariffa puntuale dei rifiuti e le opportunità dei sistemi PAYT nel quadro regolatorio ARERA e, inoltre, per conoscere in anteprima i risultati della ricerca svolta da IFEL sulla diffusione dei regimi di tariffazione puntuale (TP) nell’anno 2022. Dopo il webinar sarà anche possibile confrontarsi con gli esperti IFEL. 

Dettagli

II tool ARERA sull’aggiornamento biennale (2024-2025) del PEF ai sensi della delibera 389/2023

4-12-2023 dalle 11:30 alle 13:00

Webinar

La giornata formativa si propone di illustrare le azioni per l’aggiornamento del secondo biennio del PEF 2022-2025 e le funzionalità degli schemi messi a disposizione dall'ARERA. Durante l’incontro sarà presentato il tool di calcolo MTR-2 agg. 2024-2025 predisposto da ARERA e rilasciato in allegato alla determina 06 novembre 2023 n. 1/2023 – DTAC. 

Dettagli

Le nuove deliberazioni Arera: impatto sulle determinazioni di pertinenza dell’ETC e sulla bolletta dei cittadini

23-11-2023 dalle 11:30 alle 13:00

Webinar

Il corso tratterà le nuove componenti perequative UR1 e UR2 di cui alla delibera 386/23, inoltre verranno approfondite le novità inerenti le determinazioni di competenza dell'Ente Territorialmente Competente conseguenti all'approvazione delle delibere della Autorità n° 387/2023 e 389/2023 in particolare inerenti il nuovo parametro R1 e la sua incidenza sulla definizione dello sharing dei ricavi, la nuova formulazione in aumento del limite alla crescita compreso l'adeguamento per tenere conto della spinta inflattiva e le altre novità che impattano sulle determinazioni dell' Ente Territorialmente Competente. 

Dettagli

Le novità nella redazione del PEF gestione dei rifiuti urbani per il semiperiodo 2024-25

20-11-2023 dalle 11:30 alle 13:00

Webinar

Il corso tratterà i contenuti delle delibere ARERA sull'aggiornamento MTR-2 (delibera 389/2023), gli effetti della sentenza del Consiglio di Stato 7196/23, il calcolo del nuovo parametro “H” e l'importanza della determinazione dei costi della raccolta differenziata, un aggiornamento sugli impianti minimi, gli obblighi di monitoraggio e di trasparenza sulla efficienza della raccolta differenziata e sugli impianti di trattamento dei rifiuti urbani di cui alla delibera 387/2023”. 

Dettagli

Il Modello Unico di dichiarazione ambientale (MUD) 2023 e i costi del PEF secondo MTR-2 ARERA

17-05-2023 dalle 12:00 alle 13:30

Webinar

Il corso "Il Modello Unico di dichiarazione ambientale (MUD) 2023 e i costi del PEF secondo MTR-2 ARERA" si propone di illustrare le voci che andranno inserite nel MUD (Modello Unico Dichiarazione ambientale), compatibili con il Metodo Tariffario Rifiuti (MTR), con approfondimenti sulle novità relative alla compilazione del MUD inserite dal DPCM 3 febbraio 2023. 

Dettagli

La Regolazione sui rifiuti urbani

Guida alla predisposizione del PEF secondo il metodo tariffario rifiuti (MTR-2) ARERA

28-02-2023 dalle 10:00 alle 12:30

Presentazione

Il prossimo 28 febbraio alle ore 10 a Milano presso la Sala Bramante - Fondazione Stelline, Corso Magenta n.61, verrà presentato il Volume IFEL “La Regolazione sui rifiuti urbani – Guida alla predisposizione del PEF secondo il metodo tariffario rifiuti (MTR-2) ARERA per il secondo periodo regolatorio 2022-2025, Edizione 2022”

Dettagli

L’aggiornamento del regolamento TARI alla luce della delibera ARERA 15/2022

02-12-2022 dalle 10:00 alle 11:30

Webinar

Il webinar è parte del corso "Regolamento TARI". Il corso ha l'obiettivo di illustrare le modifiche da apportare al regolamento TARI per recepire le indicazioni contenute nel Testo unico per la regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani (TQRIF), che entrerà in vigore il prossimo 1° gennaio.

Dettagli