Ultimo aggiornamento 10.08.2022 - 13:01

Avviso

AVVISO - Ifel comunica che i propri uffici rimarranno chiusi dall'8 al 19 agosto per la pausa estiva.

Arriva la «local tax», il governo si piega ai Comuni- Il Giornale

  • 14 Nov, 2014
Pubblicato in: Entrate e Riscossione
Letto: 699 volte

Renzi sigla un altro accordo.

Questa volta con i Comuni, in merito alla local tax, tassa che sostituirà Imu e Tasi nel 2015. Governo e Comuni hanno trovato l'intesa. I saldi dei tagli rimarranno invariati - 1,2 miliardi, più altri 300 milioni varati in precedenza a valere sul 2015 - ma ora la manovra, ha sottolineato il presidente Anci Piero Fassino, «è più compatibile con la situazione economica dei Comuni». Ossia: i Comuni potranno tenere per sé tutto quello che viene raccolto col prelievo fiscale. La misura entrerà in vigore nel 2015 e dovrebbe essere approvata contestualmente alla legge di Stabilità. Che approderà nell'Aula della Camera il 27 novembre. Il braccio di ferro sulla legge di Stabilità soddisfa i sindaci: «Il governo ha accolto gran parte dei nostri rilievi e ora il testo - ha spiegato Piero Fassino - è più sostenibile per i Comuni, anche se rimane ancora onerosa». Ora la palla passa al governo, che tradurrà in emendamenti la sostanza dell'accordo, vagliato in prima persona dal sottosegretario Graziano Delrio e dal sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta. Per i sindaci i «risultati sostenibili» di cui ha parlato Fassino si traducono nella conferma per il 2015 degli oneri di urbanizzazione della spesa corrente, la possibilità di rinegoziare i mutui con Cdp, l'impegno dello Stato a farsi carico degli interessi per i mutui contratti sui nuovi investimenti. In casa Anci sull'esito dell'accordo convivono tuttavia pareri differenti visto che qualcuno comunque borbotta: «Ma per i Comuni sarà lo stesso un anno terrificante».

Progetti


Webinar
e-Learning

In presenza

Seminari